top arrow
bottone-mobile

CLAUDIO RIVA

Print & Web Design

>

>

Aprire un negozio online conviene?

Aprire un negozio online conviene?

Scritto da: -

Aprire un negozio ecommerce online conviene?

Qualche mese fa leggendo sul giornale di Brescia ho trovato un articolo interessante riguardo a negozi e ristoranti: Più di 50.000 attività cessate da Gennaio a Settembre 2013, 90'000 persone senza posto di lavoro. Un dato allarmante che fa riflettere la disastrosa situazione economica che il nostro paese sta attraversando. Proseguendo nell’articolo a fare da contraccolpo a questa crisi è la crescente richiesta di attivazione online di siti internet e-commerce, +24,5% in 20 mesi. Il giornalista sembrava alludere che la soluzione fosse passare da un negozio fisico a un negozio virtuale. Notizia alquanto tendenziosa.
Si può aprire uno store con un budget di 500 euro l’anno, se si è capaci a metterci le mani da soli, scaricando un tema da magento, prestashop ecc. Non siete capaci? Ma ci sono migliaia di web designer sparsi nella vostra città, il vostro cugino, il vostro nipote o l’amico dell'amico, che può fare un sito a 100 euro! (l’articolo su “mio cugino sa fare i siti” arriverà a breve). Scherzi a parte, ci si può affidare ad un webmaster lowcost che con 2000 euro ha il tuo negozio già pronto e impacchettato.
Pressapoco le spese di un mese di affitto di un piccolo negozio. Facendo alcuni calcoli con circa 160 euro al mese, senza dipendenti, hai a disposizione il tuo negozio nel web. Il fatto che ci siano tanti e-commerce non implica anche il fatto che siano attivi e produttivi. Con una spesa così minima anche se il sito non va, tanto vale lasciarlo online che chiuderlo “non si sa mai”. Google col passare del tempo sta diventando sempre più severa in tema di aggiornamento siti. Non aggiornare un sito è praticamente un suicidio digitale. Il tuo sito col passare del tempo sprofonda sempre più negli abissi della rete, e con un punteggio così basso si fa prima a comprare un nuovo dominio che sperare di riemergere.
Quindi ci ritroviamo pieni di negozi virtuali ma con fatturati in rosso. Il problema sta anche in tutti quei magazine o blog dove pur di attirare lettori, sparano alto su come fare soldi online. “Fai così, è semplice, con pochi soldi diventa come Zalando”. Zalando, uno dei leader di e-commerce online, con brand e firme famose, con fatturati a 6 zeri, con investimenti altrettanto alti, con centinaia di persone al suo attivo e campagne stampa e tv di primo livello. Business destinato a pochi eletti.
Non mi stancherò mai di dirlo l’e-commerce non è per tutti, lo shopping online va gestito con grande professionalità e devozione. Ma soprattuto bisogna avere prodotti che un utente debba esclusivamente comprare da te. Quando lavoravo nella mia ex agenzia di comunicazione, una signora cinquantenne è entrata in ufficio per chiederci un preventivo per “il negozio da mettere sull’internet”. Non voglio essere cattivo, ma certe volta basta sentire come parla un cliente per avere fin da subito con chi avrai a che fare. Ci sediamo e inizia a parlarmi del suo market… un semplice negozietto di periferia della bassa bresciana che vende alimenti… Cerco di mantenere un animo disinvolto ma la tentazione di mettermi una mano in fronte era alta. Con gentilezza e molta calma inizio a spiegargli cos’è l’acquisto online e che nessuno mai comprerà una bottiglia d’acqua o del prosciutto cotto in quel modo, tanto meno è utile investire così tanti soldi per un qualcosa che mai avrà visibilità. Un po’ incredula e seccata ci saluta e torna a casa. Sicuramente avrà girato ancora e avrà trovato qualche disonesto che pur di spillare soldi gli avrà promesso mari e monti. Un negozio fisico come questo, oppure di prodotti elettronici, hanno più probabilità di esser visti sulla strada di passaggio che non online. La zona di “visibilità” su Google si trova in prima pagina, ma come loro anche altre centinaia di migliaia di persone hanno avuto la stessa idea, e quelli che già ci sono può darsi che siano anche bravi e strutturati per essere lì. Siam proprio certi che col nostro sito da 500€ potremmo stare vicino al Amazon o Mediaworld di turno? Questo è il punto focale! Pensare che una volta caricato il sito sia sufficiente per essere visti dai clienti.

Ma quindi non conviene avere un sito e-commerce?

Ovviamente no, conviene ma solo a poche categorie di persone / aziende. Ad esempio quei negozi che vendono prodotti unici e che hanno già una discreta fama nazionale, per il quale conviene acquistare i loro prodotti online anziché spostarsi in auto o in treno. È un ottimo strumento per quelle aziende che già predispongono una rete di vendita di grossisti o rivenditore e che quindi hanno bisogno di un sistema informatico più efficiente e rapido per evadere gli ordini. Creare un sito non è un problema, è come pensarlo che è difficile. Improvvisarsi strateghi marketing può avere effetti devastanti sulla propria attività. Non investire sui siti internet è come comprare un negozio riempirlo di prodotti e poi tenere abbassata la serranda. I siti che vado a proporre hanno un concetto diverso, cerco sempre di capire di cosa ha bisogno il cliente e di cosa gli potrebbe servire, rispettando le sue idee ma aiutandolo nella scelta migliore affinché posso nascere una collaborazione utile e duratura, che possa far crescere il proprio business.

comments powered by Disqus

RICHIEDI UN PREVENTIVO O UNA CONSULENZA GRATUITA
Insieme pianificheremo il tuo progetto, per stimare tempi e costi lavorativi.

CONTATTAMI